Castello Pasquini

Il castello Pasquini si erge a Castiglioncello, nel comune di Rosignano Marittimo, a breve distanza dalla stazione ferroviaria della frazione.

Storia

Il castello Pasquini fu costruito a partire dal 1889 come residenza del barone Lazzaro Patrone, che al contempo aveva acquistato vasti appezzamenti di terreno da Diego Martelli. Durante i lavori furono pertanto demoliti i vecchi edifici della passata proprietà, mentre i terreni agricoli furono trasformati in un rigoglioso parco d’impronta romantica.

Il castello, realizzato ad imitazione delle costruzioni medioevali, fu affiancato dalla casa del casiere, in stile neogotico, e da una cappella decorata secondo le tendenze eclettiche.

Inoltre, il barone Patrone offrì parte dei propri terreni per la costruzione della stazione ferroviaria di Castiglioncello, a patto che il fabbricato viaggiatori riprendesse lo stile del castello al fine di armonizzarsi con esso. Il medesimo barone si interessò anche dello sviluppo dell’intera località, ma i suoi progetti, come quello dell’ippodromo, non ebbero seguito.

Nel 1938 il castello fu ceduto ad altri proprietari ed intorno agli anni quaranta fu acquistato dalla famiglia Pasquini. Dopo un periodo di abbandono, nel 1981, divenne proprietà dell’amministrazione comunale di Rosignano Marittimo, che col tempo ne ha fatto il centro di una serie di manifestazioni ed eventi culturali, come il Premio Letterario Castiglioncello-Costa degli Etruschi.

La tensostruttura

Sul retro del castello, negli ultimi anni del Novecento, è stata realizzata una tensostruttura impiegata come sala polivalente. Essa è in grado di ospitare circa 640 persone, di cui 100 nella sala e 540 nelle gradinate.

Fonte: Wikipedia

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered & Managed by DURANTI PUBBLICITÀ
P.IVA 01772560494 • Sede Legale: Via Solferino 59, Livorno
in collaborazione con Stefano Ph.

Translate »